Giubbe Rosse

Giubbe Rosse

anomalie nel paradigma

"Quando mutano i paradigmi, il mondo stesso cambia con essi. Guidati da un nuovo paradigma, gli scienziati adottano nuovi strumenti e guardano in nuove direzioni. Ma il fatto ancora più importante è che, durante le rivoluzioni, gli scienziati vedono cose nuove e diverse anche quando guardano con gli strumenti tradizionali nelle direzioni in cui avevano già guardato prima. Dopo un mutamento di paradigma gli scienziati non possono non vedere in maniera diversa il mondo in cui sono impegnate le loro ricerche".
Thomas S. Kuhn

C’è stata una fuga di notizie dal laboratorio di Wuhan? Un’inchiesta non porterà alla luce la verità. Approfondirà l’inganno

Jonathan Cook è un giornalista e blogger britannico residente a Nazareth. Il suo articolo Was there a Wuhan lab leak? An inquiry won’t dig out the truth. It will deepen the deception, pubblicato un paio di giorni fa sul suo blog, è uno dei migliori che ci sia capitato di leggere negli ultimi mesi su questo tema: come i mainstream hanno trattato il tema dell’origine del virus dall’inizio della pandemia ad oggi, perché da qualche settimana la narrativa è improvvisamente cambiata (l’articolo è del 1° giugno, quindi anteriore ai Faucileaks) e, infine, perché dobbiamo diffidare della nuova narrativa ufficiale oggi non meno di quanto dovessimo diffidarne ieri nonostante l’apparente cambio di rotta di 180°.

DRAGHI: IL NUOVO METTERNICH INVIATO DA WASHINGTON

Che cosa ha detto Mario Draghi al Global Solutions Summit 2021: a) Il globalismo è un paradigma irreversibile. Problemi e conflitti si risolveranno sempre più in futuro con soluzioni globali, pianificate dall’alto da organismi sovranazionali. b) Dobbiamo vaccinare tutto il mondo, ma solo con vaccini a mRNA. Vaccinarsi diventerà d’ora in poi un gesto abituale. c) Lo spazio della sovranità è l’UE. Nessun margine per il ritorno alle sovranità nazionali. d) Con la Cina si deve dialogare, ma anche esigere un allineamento spontaneo all’Occidente. Draghi si conferma non solo l’uomo di Biden, ma anche il novello Metternich: il pompiere venuto a spegnere definitivamente l’incendio sovranista in Italia. E, forse, in Europa.

Annalena Baerbock vista da Oskar Lafontaine

Con due velenosi post dal proprio profilo Facebook, Oskar Lafontaine, esponente di spicco dell’SPD negli anni 80 e 90, stronca la candidata dei Verdi tedeschi Annalena Baerbock, nuova stella dei mainstream tedeschi e del progressismo europeo. In particolare, preoccupano l’ex ministro delle finanze la russofobia, la sinofobia e la mancanza di scrupoli che la candidata verde ha mostrato fino ad oggi nei conflitti e nella politica di pressione contro Putin.

CACCIARI E L’IRRECUPERABILE RITARDO DELLA SINISTRA CON LA STORIA

Cacciari sogna di ripristinare di colpo la supremazia dei principi fondamentali sanciti dalle costituzioni sullo strapotere delle corporation private. In sé, niente di sbagliato, anzi. Il suo è un appello che qualunque persona di buon senso non può che sottoscrivere. C’è solo un problema: questo processo non è certo nato il 6 gennaio ed è … Leggi tutto

BROGLI IN PENNSYLVANIA. IL PRECEDENTE DEL 1993

Il caso Stinson-Marks, alle elezioni suppletive per il Senato della Pennsylvania del 1993, presenta analogie sorprendenti con le denunce di brogli nel voto per posta attualmente in corso negli USA Ai primi di novembre del 1993, nel secondo distretto senatoriale della Pennsylvania (Nord Filadelfia), si svolge un’elezione suppletiva per coprire il seggio del Senato statale … Leggi tutto

UN FALCO IN ABITI DA DONNA

Chi è Michèle Flournoy, il nome più gettonato per ricoprire la carica di Segretario alla Difesa nell’amministrazione Biden. Joe Biden non è ancora ufficialmente il nuovo presidente degli Stati Uniti, sebbene ad oggi tutto indichi che lo sarà. Mentre ancora deve iniziare la controffensiva legale di Trump, dietro le quinte è già partito fin da … Leggi tutto