Giubbe Rosse

Giubbe Rosse

anomalie nel paradigma

"Quando mutano i paradigmi, il mondo stesso cambia con essi. Guidati da un nuovo paradigma, gli scienziati adottano nuovi strumenti e guardano in nuove direzioni. Ma il fatto ancora più importante è che, durante le rivoluzioni, gli scienziati vedono cose nuove e diverse anche quando guardano con gli strumenti tradizionali nelle direzioni in cui avevano già guardato prima. Dopo un mutamento di paradigma gli scienziati non possono non vedere in maniera diversa il mondo in cui sono impegnate le loro ricerche".
Thomas S. Kuhn

MORTALITÀ NEI GIOVANI ADULTI IN ISRAELE DURANTE LA CRISI DEL COVID-19

Condividi...

Riassunto

In questo articolo analizziamo l’eccesso di mortalità in Israele durante la crisi Covid-19, concentrandoci sulla fascia di età dei giovani adulti di età inferiore ai 50 anni, dal momento che la loro suscettibilità alla mortalità Covid-19 è bassa. Basandoci principalmente sui dati online dell’Ufficio Centrale di Statistica israeliano (CBS), abbiamo osservato un inatteso aumento dell’eccesso di mortalità tra i 20 e i 49 anni nel periodo tra febbraio e marzo 2021. Va osservato che i picchi di mortalità in eccesso in queste giovani fasce di età si osservano raramente, con un basso numero di decessi solitamente causati dalle guerre. Abbiamo deciso di esaminare se il Covid-19 potesse spiegare questo eccesso di mortalità. L’incoerenza tra i decessi segnalati per Covid-19 e i decessi in eccesso all’interno di questa fascia di età ci ha portato a considerare altre potenziali cause: incidenti e vaccinazioni. In effetti, l’impennata della mortalità ha coinciso con l’avvio della campagna di vaccinazione israeliana per i giovani dai 20 ai 49 anni, che ha raggiunto oltre il 75% degli individui in questa fascia di età. Questo inaspettato aumento dell’eccesso di mortalità tra i giovani adulti è stato riscontrato anche in altri due paesi, il Regno Unito e l’Ungheria, che hanno in comune con Israele una massiccia vaccinazione delle rispettive popolazioni. Pertanto, le nostre osservazioni dovrebbero indurre a sospendere la campagna di vaccinazione in attesa di chiarire le ragioni alla base di questi decessi in eccesso, specialmente nel contesto di un basso rischio di mortalità da Covid-19 negli adulti di età inferiore ai 50 anni.

Introduzione

Studi ampiamente citati hanno dimostrato l’efficacia delle iniezioni di Pfizer Comirnaty per prevenire infezioni da Covid-19, ricoveri e decessi in Israele (vedi [1] e [2]). Un eccesso di mortalità per gruppo etnico, città ed età in Israele da marzo a novembre 2020 era già stato precedentemente segnalato [3]. Tuttavia, per quanto a nostra conoscenza, nessuno studio ha analizzato finora la mortalità nella popolazione giovane adulta in Israele dopo l’inizio della campagna di vaccinazione israeliana nel dicembre 2020.

I dati sulla mortalità generale (correlata e non correlata a Covid) presentano diversi vantaggi rispetto ai dati sulla mortalità da Covid-19 per l’analisi dell’impatto della vaccinazione, in quanto (i) sono meno suscettibili di parzialità o manipolazione rispetto ai “decessi per Covid-19”, che possono variare nella definizione e nel calcolo pratico a seconda del contesto e (ii) catturano i possibili “effetti collaterali” della vaccinazione oltre i decessi per Covid-19, come il suo possibile impatto sulla mortalità giovanile. L’obiettivo di questo documento è analizzare l’eccesso di mortalità in Israele nel periodo 2020-2021, concentrandosi su quelle fasce di età adulta che sono meno suscettibili alla mortalità da COVID19: la fascia di età compresa tra 20 e 49 anni.

Risultati

Stato di eccesso di mortalità nelle fasce di età 20-49

Ci siamo concentrati sulla mortalità degli adulti di età inferiore ai 50 anni in Israele nel periodo 2020-2021 poiché è un argomento limitatamente documentato. Concentrarsi sulla fascia di età tra i 20 e i 49 anni limita l’effetto fuorviante della mortalità da Covid-19 ed evita il pregiudizio dovuto all’effetto “raccolto” delle morti premature nel 2020 di individui con cattive condizioni di salute, il cui stato di salute è peggiorato a causa sia dei lockdown che del Covid-19. Va osservato che la mortalità è di natura stagionale, quindi dovrebbe essere aggiustata per modelli sistematici entro l’anno. Inoltre, la mortalità deve essere rapportata alla popolazione per poter essere confrontata di anno in anno (quando la popolazione aumenta, aumenta anche il numero dei decessi). Il numero di decessi in rapporto alla popolazione definisce il “tasso di mortalità” aggiustato per la popolazione. In alcune fasce di età, il tasso di mortalità mostra un andamento nel tempo, che può riflettere, ad esempio, i progressi della medicina o il miglioramento dello stato di salute della popolazione. L’eccesso di mortalità è quindi studiato come la deviazione del tasso di mortalità da quello atteso dalla deriva a lungo termine e dai modelli stagionali.

L’eccesso di mortalità in Israele è stato calcolato su base mensile, come mostrato nella Figura 1. L’eccesso di mortalità è stato valutato come la differenza tra il tasso di mortalità mensile osservato e il tasso di mortalità atteso calcolato da un modello lineare che include una deriva lineare a lungo termine e variabili di comodo (dummies) stagionali. Sono stati segnalati eventi insoliti di interesse nazionale (incluse le guerre). I decessi avvenuti il giorno di un drammatico incidente, avvenuto a Meron il 30 aprile 2021, sono stati debitamente presi in considerazione per evitare qualsiasi distorsione e i dati sono stati tracciati con e senza questo evento. Poiché la causa è accidentale, le morti per la tragedia di Meron sono state sistematicamente scartate dal resto di questo articolo.

Figura 1: tassi mensili di mortalità in eccesso in Israele da gennaio 2011 a maggio 2021. I tassi di mortalità sono espressi in numero di decessi mensili per 100.000 abitanti. È stato tracciato un grafico per ogni fascia di età 20-29, 30-39 e 40-49 anni. Per garantire la coerenza dei dati nonostante il numero dispari di giorni in ogni mese, i decessi mensili sono stati convertiti in decessi per 30 giorni. La popolazione annuale in ciascuna fascia di età è stata interpolata linearmente per ottenere dati mensili regolari sulla popolazione. Il tasso di mortalità in eccesso è definito come il tasso di mortalità che eccede una deriva di lungo periodo e gli effetti stagionali, calibrato tramite modello lineare (per età) con un andamento lineare e variabili di comodo mensili nel periodo 2011-2021. Per la sola fascia di età 20-29 anni, i dati sono indicati con (linea tratteggiata) e senza (linea normale) la tragedia di Meron (30 aprile 2021), dove 45 persone (di cui 15 tra 20 e 29 e 16 sotto 19) hanno perso la vita. Le linee rosse indicano i principali eventi nazionali insoliti: nel luglio 2014 l’offensiva di terra dell’operazione Protective Edge e, nel gennaio 2021, l’inizio della campagna di vaccinazione per queste categorie di età. Rispetto ai precedenti picchi di mortalità, i picchi tra febbraio e aprile 2021 si sono verificati in tutti e tre i gruppi di età e sono durati due mesi consecutivi nei gruppi di età 20-39. Questo ci ha portato ad aggregare i tassi di mortalità in eccesso rispetto sia alla dimensione temporale che a quella dell’età (Figura 2). Abbiamo tracciato la media mobile a tre mesi dei tassi di mortalità in eccesso tra i 20 e i 49 anni, come mostrato nel riquadro inferiore della Figura 2. Curiosamente nel 2021 i valori di marzo (media dell’eccesso di mortalità di gennaio-febbraio e marzo tassi) e ad aprile (media dei tassi di mortalità in eccesso di febbraio-marzo-aprile) hanno mostrato la stessa magnitudine del picco raggiunto durante l’offensiva di terra israeliana a Gaza nel luglio 2014 nell’ambito dell’operazione Protective Edge, dove 67 soldati israeliani persero la vita.

Figura 2, riquadro superiore: tasso di mortalità nella fascia di età 20-49 anni (media ponderata dei tassi di mortalità nelle fasce di età 20-29, 30-39 e 40-49 anni). I tassi di mortalità in eccesso sono definiti come i tassi di mortalità che superano una deriva di lungo periodo e gli effetti stagionali, calibrati da un modello lineare con un andamento lineare e variabili di comodo mensili. Tutti i dati sono riportati senza i decessi per la tragedia di Meron (30 aprile 2021). Le linee rosse indicano i principali eventi nazionali insoliti: nel luglio 2014, l’offensiva di terra dell’operazione Protective Edge e, nel gennaio 2021, l’inizio della campagna di vaccinazione per queste categorie di età. Riquadro inferiore: il grafico è stato ottenuto da una media mobile a tre mesi sulle serie temporali tracciate nel grafico superiore.

Valutazione delle potenziali cause dell’eccesso di mortalità

Ci siamo concentrati sul Covid-19 come potenziale causa sottostante di tale eccesso di mortalità. Nella Figura 3, abbiamo compilato i decessi ufficiali da Covid con i decessi in eccesso, valutati dai suddetti tassi di mortalità in eccesso sia nella fasce di età inferiori a 50 anni che in quelle superiori a 50 anni. Come previsto, l’aumento della mortalità in eccesso è stato parallelo all’aumento dei decessi per Covid-19 sia nell’ottobre 2020 che nel gennaio 2021. Tuttavia, esiste un’incoerenza tra i decessi ufficiali per Covid-19 e i decessi in eccesso al di sotto dei 50 anni di età a partire dal febbraio 2021.
Inoltre, la Figura 3 getta nuova luce sull’aumento non segnalato di mortalità tra i giovani adulti, che non può essere spiegato dalla tendenza generale dei decessi per Covid-19. Mentre tre picchi di mortalità si verificano rispettivamente a giugno 2020, ottobre 2020 e febbraio-marzo 2021, solo quello di ottobre 2020 coincide con un aumento dei decessi per COVID-19. Poiché questo picco corrisponde all’aumento più basso dei decessi, e gli altri due aumenti non possono essere spiegati dall’andamento generale dei decessi per Covid-19, appare fondamentale comprendere il motivo dell’ultimo picco (quello di magnitudine maggiore). L’unico evento notevole senza precedenti in questo lasso di tempo è stato l’inizio della campagna di vaccinazione in Israele, che ha avuto luogo nel gennaio 2021 per questa fascia di età. Abbiamo quindi calcolato la proporzione di giovani adulti vaccinati, come documentato nella tabella 1, da gennaio a maggio 2021 e abbiamo osservato che febbraio e marzo 2021 risultano essere i due mesi con il maggior numero di seconde dosi somministrate tra i mesi di iniezione (28% dei fascia di età compresa tra 20 e 49 anni che ha ricevuto la seconda dose in ciascuno di questi due mesi). Quindi, mettendo insieme tutti i dati, l’unico evento che può plausibilmente spiegare i ripetuti e più elevati aumenti dei decessi in eccesso sia a febbraio che a marzo 2021 è la vaccinazione.

Figura 3: decessi mensili ufficiali (di tutte le età) per Covid (asse sinistro) e decessi in eccesso per i giovani di età compresa tra 20 e 49 anni (asse destro) e sopra i 50 anni (asse sinistro). I decessi in eccesso sono calcolati dai tassi di mortalità in eccesso presentati sopra (mantenendo solo valori positivi). Fonte delle morti ufficiali per Covid: Ministero della Salute israeliano

Tabella 1: percentuale di soggetti completamente vaccinati tra i 20 ei 49 anni alla fine di ogni mese. Fonte: Ministero della Salute israeliano

Confronto con altri paesi

Abbiamo deciso di confrontare la crescita della mortalità nella popolazione giovane adulta in paesi con politiche di vaccinazione diverse. A titolo di confronto, abbiamo compilato la variazione del tasso di mortalità da gennaio-maggio 2020 a gennaio-maggio 2021 nelle varie fasce di età in 25 paesi europei e in Israele, come mostrato nell’appendice della tabella A1. La crescita media della mortalità in percentuale per ogni fascia di età è stata ulteriormente calcolata nei paesi con vaccinazione di massa e vaccinazione moderata (Appendice, Tabella A2). È stato valutato il valore p di un test t unilaterale (eguale varianza), il quale ha mostrato che le due medie erano significativamente differenti (Tabella A2). Questa tabella è stata successivamente presentata sotto forma di istogramma (Figura 4). Da questo valore e dal nostro calcolo emerge che la differenza tra vaccinazione di massa e vaccinazione moderata è significativa in termini di crescita della mortalità nei gruppi di giovane età e che la vaccinazione di massa è associata a una maggiore crescita della mortalità nei giovani adulti. Questa osservazione fornisce ulteriore supporto per suggerire un legame tra vaccinazione e mortalità giovanile in Israele e in quei paesi che effettuano una vaccinazione di massa.

Figura 4: crescita della mortalità in % da gennaio-maggio 2020 a gennaio-maggio 2021 in Israele, Inghilterra e Galles, Ungheria e altri 23 paesi europei che hanno vaccinato più moderatamente le loro popolazioni, per le fasce di età 20-29, 30-39 e 40- 49. Fonti: CBS, Eurostat, ONS. Vedere la tabella A1 nell’appendice per i dati di origine.

Discussione

I picchi di mortalità tra i giovani sono eventi molto rari e sono di solito associati a guerre, come il picco di mortalità eccessiva registrato durante la guerra Hamas/Israele nel luglio 2014. Il picco di mortalità tra i 20 e i 49 anni verificatosi a febbraio-marzo 2021 è, quindi, senza precedenti e solleva notevoli preoccupazioni. Dopo aver eliminato gli incidenti, come la tragedia di Meron, l’evento insolito che si è verificato in questo lasso di tempo è stato il fatto che un’altissima percentuale di israeliani di età compresa tra 20 e 49 anni ha ricevuto due dosi di iniezione di mRNA di Comirnaty.

La nostra ulteriore osservazione a sostegno di questo possibile legame tra vaccinazione e mortalità giovanile è il fatto che modelli comuni di mortalità eccessiva sono stati osservati anche in Ungheria, Inghilterra e Galles, i quali hanno in comune con Israele una massiccia vaccinazione delle rispettive popolazioni. La recente ricerca di Retsef Levi [4], che documenta un aumento del 20-35% degli arresti cardiaci tra gli israeliani di età compresa tra 16 e 49 anni da gennaio-maggio 2019-2020 a gennaio-maggio 2021 e l’associazione dimostrata tra vaccino Pfizer e miocardite [5] /malattie autoimmuni [6] nei giovani adulti forniscono un ulteriore supporto fisiologico. Tale accumulo di preoccupazione dovrebbe, a nostro avviso, spingere con urgenza verso una pausa nella campagna di vaccinazione, fino a quando non saranno chiarite le ragioni dell’eccesso di mortalità giovanile osservato nei paesi a vaccinazione di massa.

Bibliografia

[1] Haas, Eric J., et al. “Impact and effectiveness of mRNA BNT162b2 vaccine against SARS-CoV-2 infections and COVID19 cases, hospitalizations, and deaths following a nationwide vaccination campaign in Israel: an observational study using national surveillance data.” The Lancet 397.10287 (2021): 1819–1829.

[2] Dagan, Noa, et al. “BNT162b2 mRNA COVID19 vaccine in a nationwide mass vaccination setting.” New England Journal of Medicine 384.15 (2021): 1412–1423.

[3] Haklai, Ziona, et al. “Excess mortality during the COVID-19 pandemic in Israel, March–November 2020: when, where, and for whom?.” Israel Journal of Health Policy Research 10.1 (2021): 1–7.

[4] Cfr. questo thread Twitter di Ran Israel sullo studio di Retsef Levi.

e il video dello stesso Retsef Levi su YouTube video che illustra il proprio studio:

[5] Vogel G., Couzin-Frankel, G., “Israel reports link between rare cases of heart inflammation and COVID19 vaccination in young men”, Science Mag, June 1, 2021

[6] Jaffe-Hoffman, M., “Pfizer COVID19 vaccine linked to rare blood disease — Israeli study”, Jerusalem Post, June 24, 2021

Appendice

Tabella A1: crescita della mortalità (espressa in %) in diversi paesi da gennaio-maggio 2020 a gennaio-maggio 2021 in diverse fasce di età. La variazione in % del tasso di mortalità, che è stata calcolata come rapporto di decessi per popolazione in ogni variazione di categoria di età e in ogni fascia di età, è stata compilata tra gli stessi periodi del 2020 e del 2021, dal 1° gennaio alla fine di maggio. I dati sono stati calcolati utilizzando varie fonti: (i) i dati sulla mortalità in Israele sono stati estratti dal sito web dell’Ufficio centrale di statistica israeliano (CBS) e sono stati rimossi i decessi dal giorno della tragedia di Meron (30.04.2021); (ii) i dati sulla mortalità in Inghilterra e Galles sono stati estratti dall’Office of National Statistics; (iii) i dati sulla mortalità nei paesi europei sono stati estratti dalla banca dati Eurostat sulla mortalità nei paesi con più di 1 milione di abitanti (nel 2020) con disponibilità dei dati per almeno 20 settimane nel 2021; (iv) e dati sulle vaccinazioni estratti da Our World in Data.

Fonti: CBSEurostatONS.

Tabella A2: crescita media della mortalità dal 2020 al 2021 (in %) nei paesi con vaccinazione di massa e vaccinazione moderata per ciascuna fascia di età (dalla Tabella A1). È stato valutato il valore p di un test t unilaterale (eguale varianza) sulla differenza % di mortalità tra paesi con vaccinazione di massa e vaccinazione moderata.

Un commento su “MORTALITÀ NEI GIOVANI ADULTI IN ISRAELE DURANTE LA CRISI DEL COVID-19”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: