Giubbe Rosse

Giubbe Rosse

anomalie nel paradigma

"Quando mutano i paradigmi, il mondo stesso cambia con essi. Guidati da un nuovo paradigma, gli scienziati adottano nuovi strumenti e guardano in nuove direzioni. Ma il fatto ancora più importante è che, durante le rivoluzioni, gli scienziati vedono cose nuove e diverse anche quando guardano con gli strumenti tradizionali nelle direzioni in cui avevano già guardato prima. Dopo un mutamento di paradigma gli scienziati non possono non vedere in maniera diversa il mondo in cui sono impegnate le loro ricerche".
Thomas S. Kuhn

“Binnenwanderung”: emigrazione interna e crollo demografico nella ex-DDR dopo il 1990

Condividi...

Nel 1990, pochi mesi dopo la caduta del muro, la DDR aveva una popolazione di 16,7 milioni. Meno di 30 anni dopo l’area occupata dai “nuovi Länder”, inclusa quella che era un tempo Berlino Est, è scesa a 14,4 milioni. Una perdita di 2,3 milioni di abitanti, che appare ancora più eclatante se si considera che dal 1990 a oggi la popolazione delle due Germanie riunite è complessivamente aumentata di 3 milioni.

Saldo totale popolazione tedesca 1990-2018

Di seguito uno specchio riassuntivo dell’evoluzione demografica dei 16 stati federati dal 1990 al 2018. Come si può vedere, con eccezione di Saarland e Brema, tutti i Länder occidentali hanno conosciuto un aumento della popolazione. Il saldo è, invece, negativo per tutti e 5 i Länder orientali:

Saldo demografico 1990-2018 per Land dopo la riunificazione

Durante il trentennio successivo alla riunificazione i flussi migratori dalla ex-DDR verso le regioni occidentali sono stati costanti, almeno fino al 2017. Tuttavia, si individuano in particolare due grossi picchi. Il primo è il biennio 1989-1990, ossia i mesi immediatamente successivi alla caduta del muro, durante il quale almeno 800.000 persone abbandonarono la ex-DDR, per la maggior parte a causa della chiusura di numerose aziende e dell’aumento esponenziale della disoccupazione.

Picco migratorio 1989-90 nei primi mesi dopo la caduta del muro

Un secondo forte picco si è poi registrato a cavallo del cambio di secolo, tra il 1997 e il 2004.

Picco migratorio a cavallo del 2000 (giovani, donne e indivisui con istruzione superiore nella fascia di età 18-35 anni)

In questa ondata sono stati, in particolare, i giovani, le donne e gli individui con istruzione superiore a lasciare la Germania orientale:

Saldo migratorio 1991-2017 per fasce di età e sesso

Nel 2017, per la prima volta dopo trenta anni, il saldo migratorio est/ovest si è concluso con un bilancio lievemente positivo (circa 4000 unità).

Il saldo migratorio est/ovest torna lievemente positivo solo nel 2017

Tuttavia, ad onta dei toni trionfalistici usati dalla stampa tedesca, occorre fare qui alcune precisazioni. In primo luogo, il fenomeno non ha interessato in egual misura tutte le regioni orientali. Mentre Sassonia e Brandeburgo, trascinate rispettivamente da Lipsia e Potsdam, hanno fatto segnare una lieve ripresa demografica, Meclemburgo-Pomerania anteriore, Sassonia-Anhalt e Turingia continuano a spopolarsi e registrano tuttora un saldo demografico negativo. In secondo luogo, come si evince dal grafico, anche il numero di Zuwanderungen, cioè di trasferimenti dall’Ovest all’Est, in aumento tra il 2011 e il 2015, ha già ripreso a scendere. L’Est continua, insomma, a essere tuttora poco attrattivo, nonostante il richiamo di città come Potsdam e Lipsia e nonostante il costo della vita (soprattutto degli immobili) sia assai più basso che in occidente. In sostanza, l’emigrazione sta finendo perché chi ad Est voleva o era disposto a emigrare ormai lo ha già fatto. La ripresa economica e demografica dell’Est, tuttavia, è un obiettivo ancora molto lontano.

IL MITO DELL'EREDITÀ NEGATIVA DELLA DDR

Nel paper Die Wucht der deutschen Teilung wird völlig unterschätzt, Felix Rösel, ricercatore dell’iFO-Institut, cerca di spiegare il fenomeno come semplice conseguenza dell’eredità negativa della DDR. Insiste sul 1949, anno della divisione delle due Germanie, come data cardine dell’involuzione demografica della DDR.


Il saldo migratorio est/ovest torna lievemente positivo solo nel 2017

Rösel sembra ignorare completamente, tuttavia, che dal 1989 a oggi, ossia in meno di 30 anni, la ex-DDR ha già perso esattamente gli stessi abitanti (-2,3 Mio) che aveva perso in 40 anni di DDR (-2,3 Mio) e questo includendo l’enorme migrazione avvenuta dal 1949 al 1961, anno della creazione del muro (quasi 2 Mio). Tra il 1961 e il 1989, infatti, la popolazione della DDR è rimasta sostanzialmente stabile.

Il saldo migratorio est/ovest torna lievemente positivo solo nel 2017

DESOLAZIONE, SPOPOLAMENTO, EMORRAGIA DI GIOVANI E DONNE: UN'ATMOSFERA PLUMBEA

I Länder orientali sono oggi una terra desolata: senza giovani, con una popolazione dall’età media di 50 anni e prevalentemente rappresentata da ultrasessantacinquenni, con una proporzione di donne assai più bassa rispetto agli uomini, basse prospettive occupazionali, infrastrutture assenti o cadenti, scuole e linee di autobus tagliate continuamente, eventi culturali ridotti sempre più rari.

Edificio fatiscente a Loitz (nel distretto di Vorpommern Greifswald). La città è un tipico esempio di fallimento nello sviluppo urbano nella Germania unificata. Ovunque nel centro della città si vedono rovine di edifici, lotti vuoti e negozi chiusi. Sempre più case vuote vengono demolite.
"Le scuole che ho frequentato da piccolo oggi non esistono più. Né la scuola elementare nel mio paesino natio né la scuola media a 15 chilometri di distanza. Nella mia infanzia c'erano due negozietti, due panetterie, un macellaio, un fioraio, un ufficio postale e due filiali bancarie. Oggi c'è solo un piccolo negozio. Anche i bancomat sono spariti. Fino al 2011 andavamo su Internet via modem o via ISDN. Poi arrivò l'UMTS e tutto il paesino poté finalmente accedere a Internet mobile. Con volume di dati limitato, naturalmente. I servizi di streaming come YouTube e le biblioteche multimediali erano, quindi, tabù. Solo nel 2017 è arrivata Internet veloce attraverso il cavo telefonico".

TURINGIA

La Turingia è il caso più disperato. Di gran lunga il più povero dei 16 stati federati, è anche quello che ha sofferto maggiormente l’emorragia demografica post-riunificazione.

Popolazione in Turingia dal 1961 al 2018 (Fonte: statista.de)

Le prospettive di ripresa demografica da qui al 2040 non sono affatto promettenti, con l’unica eccezione (forse) di città universitarie come Erfurt e Jena:

Stima dell'evoluzione demografica in Turingia fino al 2040

Il caso della città di Suhl, ex centro minerario e un tempo nota per la produzione di armi, è diventato paradigmatico. Dal 1990 a oggi la città ha perso il 38% dei suoi abitanti, in prevalenza giovani in età tra 18 e 35 anni.

Animazione sullo sviluppo demografico di Suhl, Turingia (fonte: DIE ZEIT)

SASSONIA

Dal 1990 a oggi la Sassonia ha perso circa 800.000 abitanti.

Popolazione in Sassonia dal 1961 al 2018 (Fonte: statista.de)

Negli ultimi 5 anni si è assistito, però, a una ripresa demografica, ascrivibile quasi interamente a Lipsia, che nel 2018 ha raggiunto la quota record di 596.000 abitanti. Tuttavia, anche qui il ritmo di crescita sta rallentando ed è stato alimentato dal 2015 soprattutto dal massiccio arrivo di immigrati.

SASSONIA-ANHALT

Qui, come per il Meclemburgo-Pomerania, il trend negativo non sembra, invece, arrestarsi.

Popolazione in Sassonia-Anhalt dal 1961 al 2018 (Fonte: statista.de)

MECLEMBURGO-POMERANIA ANTERIORE

Popolazione in Meclemburgo-Pomerania anteriore dal 1961 al 2018 (Fonte: statista.de)

BRANDEBURGO

Il Brandeburgo è uno dei Länder orientali che ha sofferto di meno l’emorragia demografica, grazie soprattutto all’attrattività di Potsdam negli ultimi anni, oltre al fatto di costituire un’alternativa “extraurbana” più economica per chi non riesce a trovare un alloggio nell’affollata e carissima Berlino. È anche il Land che gode al momento delle migliori prospettive di crescita dopo l’annuncio della costruzione della gigafactory di Tesla a partire dal 2020. Ciò nonostante, il saldo demografico rispetto al 1990 è ancora negativo (-3%)

Popolazione in Brandeburgo dal 1961 al 2018 (Fonte: statista.de)

GIOVANI

Si calcola che dalla riunificazione a oggi più di un quarto della popolazione della ex-DDR in età compresa tra 18 e 30 anni sia emigrata in Occidente. Parchi giochi vuoti, pub vuoti, strade vuote. Ciò che salta subito agli occhi in molte località della ex-Germania orientale è la mancanza di giovani.

"Senza giovani, gli eventi sportivi e musicali, i carnevali, fiere e sagre cittadine vanno a rilento o semplicemente cessano di esistere. Le case sono vuote, le infrastrutture e le linee degli autobus vengono smantellate. La sensazione è: manca qualcosa. E ora arrivano altri [ndr immigrati] che vogliono mangiare parte di una torta che è già di suo troppo piccola".

La situazione della Germania orientale è un caso mondiale:

"Non credo esistano altri esempi nel contesto storico internazionale attuale di una simile concomitanza di carenza di donne, elevata emigrazione e invecchiamento. Certo, in Giappone esistono aree con invecchiamento ancora superiore; in alcune società dell'Asia e dell'Africa esiste un'eccedenza di uomini di mezza età ancora maggiore; in alcuni paesi arabi e in Corea del Sud ci sono ancora meno giovani. Ma tutti insieme e combinati con un'elevata emigrazione questi problemi esistono solo nella Germania orientale".

DONNE

Particolarmente grave è l’esodo femminile. Le donne rappresentano proporzionalmente la stragrande maggioranza degli emigrati dell’Est. Qui, a livello esemplificativo, il caso della Sassonia:

Evoluzione demografica in Sassonia tra il 1990 e il 2018 per sesso. Mentre la percentuale di uomini è scesa dell'11%, quella femminile è scesa del 18%

NATALITÀ

All’emigrazione si è aggiunto poi nei primi anni dopo la riunificazione un altro drammatico problema: il crollo delle nascite. Tra il 1990 e il 1994 il tasso di natalità nella ex-DDR arrivò quasi a dimezzarsi. Molte coppie, non sapendo se avrebbero mantenuto un’occupazione, rimandarono la fondazione di una famiglia o semplicemente rinunciarono ad avere figli.

Evoluzione del tasso di natalità nella Germania occidentale e orientale prima e dopo il 1990. Si nota il vistoso crollo delle nascite nella ex-DDR (linea azzurra tratteggiata) immediatamente dopo la caduta del muro (1989-1994).

A partire dal 1995 il tasso di natalità nei Länder orientali ha ripreso a salire ed oggi è in linea con quello occidentale, anche se il ritmo di crescita appare del tutto insufficiente a colmare il gap demografico sofferto durante gli ultimi 30 anni e molte cittadine stanno rapidamente invecchiando.

INVECCHIAMENTO

Prima della riunificazione l’età media della popolazione nella DDR era inferiore a quella della BDR. Trenta anni dopo questo quadro si è completamente invertito.

Prima della riunificazione l'età media nella DDR era più bassa che nella BRD. Il record di "città più giovane" apparteneva a Francoforte sull'Oder con 34,5 anni. Trenta anni dopo il quadro è completamente capovolto. Oggi la ex-DDR è una regione di vecchi con Suhl che vanta il triste primato di "città più vecchia" della Germania con una media di 50,5 anni.

Oggi i giovani che vivono nei cinque “nuovi Länder” sono sempre di meno e la popolazione subisce da anni un rapido invecchiamento. Il fenomeno arriva a proporzioni allarmanti nelle campagne, mentre è in corso una lieve inversione di tendenza nelle grandi città e nei centri sopra i 200.000 abitanti. La quota di anziani ultrasessantacinquenni continua a crescere senza sosta nei territori orientali della Germania, mentre rimane sostanzialmente stabile a occidente e nei centri urbani maggiori:

Fonte: Statistisches Bundesamt

Un commento su ““Binnenwanderung”: emigrazione interna e crollo demografico nella ex-DDR dopo il 1990”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: